Fermo Posta ParadisoFermo Posta Paradiso PrefazioneFermo Posta Paradiso BiografiaFermo Posta Paradiso LettereFermo Posta Paradiso Audiopoesie

Destinatario sconosciuto: Frank Rosolino.


Un disastro, per usare uno straccio di residuo, immeritato affetto.
Peggio di quello che hai fatto tu c'è solo Hitler, Manson, Landru (e molti altri..in effetti). Ma ciò non toglie.
Così che tua moglie e madre dei tuoi due figli, si era suicidata. Orrendo. But two wrongs don't make a right!
Così pensasti bene di raggiungerla. Forse non sapevi o non credevi, allora, che il suicidio è l'unico modo perfetto per perdere l'anima.
Ma non ti bastava il barbaro proponimento, no: così ti arrogasti diritti di verità e di vita, e pensasti male di "portare via" con te, con spirito liberatorio, anche i vostri due ragazzi. Come fosse una vacanza?!Sparasti in testa prima a loro, il primo ti morì in mano, poi sparasti all'altro e poi anche a te.
Ora, sai bene che Jason invece, sopravvisse.
E ancora sopravvive. E' cieco, Frank.
Cosa hai fatto tu a Jason, Frank?

La cosa più gentile che pensò di te al "vostro" funerale un amico
- guardandoti morto dopo aver guardato il giovane Jason -
fu "asshole" !

Come posso ora io dire qui di come avessi tu suonato dieci giorni prima, in Canada.. insieme all'ignaro e grande Carl Fontana?

Come posso ora io ascoltare ancora quel disco e cercare di capire se in una di quelle tue note Paganiniche fosse occultato, in una bis-bis-croma il segno di satana?

Perché meravigliosa fu, quella conversazione a due strumenti, con la ritmica ferma e deferente, lasciataci in quel disco del 1978 da te, da Carl.
Così assolutamente estenuantemente
bella.
E mi domando perché.