Fermo Posta ParadisoFermo Posta Paradiso PrefazioneFermo Posta Paradiso BiografiaFermo Posta Paradiso LettereFermo Posta Paradiso Audiopoesie

Al Presidente Bettino Craxi


Il Purgatorio, enigmatico e giusto, sarà – spero – molto affollato (da moltissimi noi).
Lei è stato onesto.
Come nessuno dei parlamentari che le vedevo attorno, dentro nel Colosseo quando lei stava nella fossa dei leoni.
“Scagliatemi la prima pietra.” Gridava la sua grande figura ai Proci. Loro guardavano altrove. Li ricordo bene! Strabici, come Giuda Iscariota. Né seppero avere quel po’ di
coraggio necessario per andarsene via, come nella parabola dell’adultera, la gente con le travi negli occhi.

Troppo dura la politica. Impossibile uscirne vivi. Ma necessaria. Come una funzione corporale.
Qualcuno deve pure occuparsene.

Tre volte la vidi, sempre di ghiaccio.

Tranne la volta che con uno scherzo antico si mangiò un maccherone – ma gentile – alla mia bimba piccola, che rise. E quello mi piacque molto, e son sincero.